Eh beh.. come al solito è un po’ che non scrivo. Il tempo a mia disposizione è veramente poco, anche perché negli ultimi fine settimana sono stata molto impegnata in diverse avventure.
Una di queste è stata la prima parte del secondo livello del corso di Doris: Biological Energy Diagnostics Treatment Terapy.
Spiegarlo a parole è veramente difficile; sicuramente è un metodo fantastico da provare.
Doris nel primo corso ci ha insegnato a sentire, e quindi capire, ciò di cui un corpo ha bisogno per guarire.
Io ovviamente, ho voluto frequentare il corso principalmente per cavarmela quando un cavallo ha un problema.
Penso, e so anche di essere parecchio ripetitiva, quando dico che lo Stato Italiano non metta a disposizione il conoscere, lo sperimentare e soprattutto non sovvenzioni terapie nuove, sia in umana che in veterinaria. Terapie nuove, veramente poco invasive e soprattutto terapie con cui è possibile risolvere un problema di salute. Tutto ciò che lo Stato sovvenziona e promuove è qualcosa di veramente invasivo, di chimico, che va solamente a bloccare un sintomo, che non è il problema/malattia. Questo è un discorso molto ampio e soprattutto delicato, ma tanto per dire che quando ho un problema con un cavallo non so mai chi chiamare, proprio perché in Italia ai veterinari (come ai medici) non vengono forniti gli strumenti su cui studiare.
Questo corso di Doris mi ha veramente aperto un mondo nuovo; mi ha insegnato cose che non essendo invasive posso praticare anch’io senza titolo di studio in materia e soprattutto mi sta anche aprendo un universo sulla comprensione della motivazione e sul decorso di una malattia su di un corpo, piuttosto che su di un altro.
Come malattia intendo qualsiasi cosa di non ordinario in un organismo, quindi passando dal problema psicologico al problema posturale, piuttosto che dalla banale febbre.
Sono contenta perché dopo questi due intensi giorni di studio di metodiche, mi sento più sicura nel sentire ciò di cui ha bisogno un cavallo e inizio ad essere anche abbastanza rilassata nella manipolazione. Mi sento cresciuta dal primo livello, tant’è che nel controllare Mon Ami, non ho avuto granchè bisogno dell’assistente cioè Andrea.
Abbiamo seguito il corso in un posto magico: un maneggio nato in un ex convento dove vi posso assicurare essere di casa la tranquillità e la pace.

Ho conosciuto persone nuove, con cui mi son trovata subito bene e non vedo l’ora che arrivi fine maggio per ultimare il secondo livello.

Inserisco qui sotto un po’ di foto per farvi vedere il posto veramente bello!

5Z6A4712 5Z6A4714 5Z6A4719 5Z6A4815 5Z6A4823 5Z6A4830 5Z6A4835 5Z6A4853 5Z6A4877 5Z6A4879 5Z6A4938 5Z6A4939

5Z6A4971 5Z6A4976 5Z6A4980

 

 

 

 

 

 

 

 

5Z6A4948 5Z6A4947

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ho voluto inserire anche le foto di questi due signori, che si sono dedicati ai nostri pranzi: due bellissimi visi vissuti che esprimono tanta gioia per quello che fanno!

Commenti disabilitati su Corso B.E.D.T.T. II livello – prima parte

Comments are closed.